• Blog
  • Metodologia CATI CAWI
Ridurre la non-risposta e l'errore di non-risposta nelle indagini telefoniche

Ridurre la non-risposta e l'errore di non-risposta nelle indagini telefoniche

Il caso studio di una indagine telefonica che ha come target gli over40, negli USA, sull'argomento dell'assistenza sanitaria.

Questo articolo è apparso nel Journal of Statistic and Survey Methodology, giugno 2016.
(titolo originario: "Reducing Nonresponse and Nonresponse Error in a Telephone Survey: An Informative Case Study" di Floyd J. Fowler, Anthony M. Roman, Rumel Mahmood and Carol A. Cosenza)

Al termine dell'indagine telefonica il tasso di risposta, Response Rate o RR, era stato del 24%. Successivamente, agli individui non contattati (il massimo numero di tentativi prima di considerare una unità non contattabile era di 6) e a quelli che avevano rifiutato l'intervista, è stato inviato il questionario cartaceo con 10 dollari di incentivo.

Il risultato è stato un incremento del tasso di risposta del 34%, questo ha portato il tasso di risposta (RR) complessivo al 58%.

Questo aumento considerevole del tasso di risposta RR aveva diminuito il tasso di non-risposta? Oppure aveva introdotto un errore (bias) di selezione nell'unita' che doveva rispondere al questionario? O ancora un errore dovuto alla modalità di raccolta del dato?

La conclusione degli autori e'che l'aumento del tasso di risposta RR non ha introdotto nè un errore di selezione nè un errore di modo (primacy vs recency) ed ha ridotto l'errore di non risposta.

Buon lavoro a tutti

Vuoi saperne di più sulle nostre indagini telefoniche? Leggi anche Indagini telefoniche CATI

Tags: indagini telefoniche

Vuoi saperne di più? Non temere di chiederci informazioni.

CONTATTACI

I cookies ci aiutano a offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookies.